Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma ad substantiam del patto di prova nel contratto di lavoro subordinato



Ai sensi dell'art. 2096    cod.civ. , il patto di assunzione in prova (il quale dovrebbe essere o anteriore o contestuale alla stipulazione del contratto di lavoro) (Cass. Civ. Sez. Lavoro 11597/99   )deve risultare da atto scritto.

Secondo la giurisprudenza lo scritto dovrebbe necessariamente investire l'indicazione specifica delle mansioni affidate al prestatore di lavoro, il cui difetto cagionerebbe comunque la nullità del patto (Cass. Civ. Sez. Lavoro 14538/99   ). Controversa è la natura del patto di prova. Secondo un'opinione nota1  esso darebbe vita ad un contratto autonomo, riscontrandosi due distinti rapporti, l'uno scaturente da un contratto a forma libera (il contratto di lavoro subordinato), l'altro riconducibile ad un atto la cui forma sarebbe vincolata ad substantiam.

La tesi prevalente invece configura la pattuizione in esame come una semplice clausola del contratto di lavoro, il quale potrebbe essere ritenuto (relativamente alla prova da effettuarsi) ad un tempo sottoposto ad una condizione risolutiva abbinata ad un termine finale se riferito alla durata della provanota2, ovvero ad un termine iniziale se riferito all'inizio del rapporto definitivonota3 . Il recesso dell'imprenditore, secondo il quale la prova non abbia sortito esiti favorevoli, non si reputa invece assoggettato a particolari oneri formali (Cass. Civ. Sez. Lavoro, 5290/99   ).

Note

nota1

Mazzoni, Manuale di diritto del lavoro, Milano, 1988, p.1058.
top1

nota2

Esprime questa opinione Mengoni, Il contratto di lavoro nel diritto italiano, in Il contratto di lavoro nel diritto dei paesi membri della CECA, Milano, 1965, p.467 e Calabrò, voce Periodo di prova, in Enc.dir., vol.XXIII,1983, p.73.
top2

nota3

Così Santoro-Passarelli, Nozioni di dir. del lavoro, Napoli, 1951, p.121 e Montuschi, La costituzione del rapporto di lavoro, in Trattato di dir.priv., dir. da Rescigno, vol.15, Torino, 1986, p.273. 
top3

 

 

 

Bibliografia

  • CALABRO', Periodo di prova, Enc. dir., XXIII, 1983
  • MAZZONI, Manuale di diritto del lavoro, Milano, 1988
  • MENGONI, Il contratto di lavoro nel diritto italiano, Milano, Il contratto di lav. nei paesi della CECA, 1965
  • MONTUSCHI, La costituzione del rapporto di lavoro, Torino, Trattato Rescigno, 15, 1986
  • SANTORO PASSARELLI, Nozioni di diritto del lavoro, Napoli, 1978

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma ad substantiam del patto di prova nel contratto di lavoro subordinato
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma ad substantiam del patto di prova nel contratto di lavoro subordinato"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto