Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Mancato incasso del prezzo della vendita già tassato


In conseguenza del principio di competenza, il corrispettivo per la vendita di beni dell’impresa, ancorché non incassato, può aver già concorso a determinare il reddito d’impresa dell’esercizio del venditore.

Per l’ipotesi del mancato conseguimento del guadagno ovvero di obbligo di restituire il corrispettivo già incassato (ad esempio a causa della risoluzione del contratto di compravendita), a differenza delle altre categorie reddituali, il sistema prevede la possibilità di imputare gli elementi passivi sopravvenuti (rispetto all’esercizio in cui è stato imputato il reddito), dando così luogo a sopravvenienze passive (art. 101, comma 4, D.P.R. n. 917/1986). Si tratta di componenti passive straordinarie di reddito, che comportano modifiche non preventivate e non dovute a fatti tipici ed ordinari derivanti da:
mancato conseguimento di ricavi o altri proventi che hanno concorso a *formare il reddito in precedenti esercizi;
  • il sostenimento di spese, perdite ed oneri a fronte di ricavi o altri proventi che hanno concorso a formare il reddito in esercizi precedenti;
  • la sopravvenuta insussistenza di attività iscritte in bilancio in precedenti esercizi diverse dalle plusvalenze esenti ex art. 87, D.P.R. n. 917/1986.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Mancato incasso del prezzo della vendita già tassato"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto