Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La legittima difesa putativa




Discussa è la rilevanza giuridica della scriminante c.d. putativa, vale a dire della causa di giustificazione erroneamente supposta. Al riguardo, la giurisprudenza evidenzia che la legittima difesa putativa non ha corrispondenza nell'art. 2044 cod. civ. , poichè tale norma fa riferimento alla legittima difesa reale, mentre quella putativa può farsi rientrare nell'art. 2045 cod. civ. , che disciplina la responsabilità civile da fatto commesso in stato di necessità. Tale disposizione può essere, infatti, applicata per analogia (Cass. Civ. Sez. III, 8772/91 ), atteso il suo carattere di non eccezionalità, individuandosi nella stessa un caso di danno oggettivamente ingiusto onde tranquillamente di essa può farsi applicazione, stante nella legittima difesa putativa e nello stato di necessità l'assenza dell'elemento soggettivo dell'illecito e la estraneità del danneggiato al fatto che ha provocato il danno (Cass. Civ. Sez. III, 4029/95 ).

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La legittima difesa putativa"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto