Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Condizioni e termini apposti al contratto di cessione


L’apposizione di condizioni sospensive o di termini di efficacia al contratto di cessione (di beni mobili, immobili e aziende) determina lo spostamento dell’esercizio di competenza. Queste, infatti, subordinano la stessa efficacia del contratto e differiscono il trasferimento della proprietà ad un momento futuro in cui sarà avverata la condizione o scaduto il termine, con la conseguenza che l’imputazione per competenza andrà effettuata con riguardo al momento successivo di avveramento della condizione o di scadenza del termine.

Anche se lecite, l’Amministrazione finanziaria guarda con sospetto tali clausole e considera fiscalmente irrilevanti le condizioni di mero stile, ad esempio quella apposta in una compravendita immobiliare ove il trasferimento della proprietà sia sospensivamente condizionato alla trascrizione del contratto nota1.

Si consideri il seguente esempio: contratto di cessione di fabbricato concluso nel giugno 2010, con contestuale pagamento dell’intero corrispettivo, sottoposto alla condizione sospensiva che il Comune rilasci autorizzazione per uso ufficio. Se la condizione si avvera nel giugno 2011 (rilascio di autorizzazione), l’esercizio di imputazione del corrispettivo della cessione è il 2011.

Note

nota1

Nota Min. 10 dicembre 1977, n. 8/1209.
top1

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Condizioni e termini apposti al contratto di cessione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto