Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2019 numero 965 (16/01/2019)



Il mediatore immobiliare, sia nell'ipotesi tipica in cui abbia agito in via autonoma, sia quando si sia attivato su incarico delle parti, è tenuto, ai sensi dell'art. 1759 c.c., a riferire ai contraenti ogni circostanza rilevante, conosciuta o conoscibile con l'uso della diligenza da lui esigibile. In tale ambito vanno annoverati gli inconvenienti cui può normalmente dar luogo la provenienza da donazione dell'immobile posto in vendita. La circostanza infatti rientra nella valutazione della sicurezza dell'affare e, come tale, deve essere compresa tra quelle influenti sulla conclusione dello stesso, che il mediatore deve a riferire alle parti.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2019 numero 965 (16/01/2019)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti