Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2019 numero 3497 (06/02/2019)



L’istanza di assegnazione di un bene in primo grado avanzata in un giudizio instaurato allo scopo di addivenire alla divisione non pregiudica in appello la richiesta di vendita dello stesso. È esclusa, infatti, la formazione del giudicato sul tipo di domanda proposta perché entrambe le richieste sono subordinate all’accertamento della non frazionabilità dell’immobile. La richiesta di attribuzione di un bene immobile indivisibile ex art. 720 c.c. costituisce infatti una mera modalità attuativa della divisione che si risolve nella specificazione della domanda di scioglimento della comunione. Non è domanda, ma eccezione e, come tale, può essere formulata o essere oggetto di rinuncia anche in grado d'appello. Se un immobile indivisibile viene attribuito ad uno degli eredi, ciò costituisce soltanto una modalità con cui si attua lo scioglimento della comunione, non precludendo una successiva divisione del bene, realizzabile tramite vendita dello stesso.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2019 numero 3497 (06/02/2019)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti