Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. I del 2020 numero 5937 (03/03/2020)




Anche nel caso di accordo tra coniugi per la risoluzione di una donazione e quindi la retrocessione dei diritti immobiliari al donante, deve essere rispettata la stessa forma dell’atto originario e principale.
È nulla la scrittura privata allegata al ricorso di separazione che impegna il coniuge a risolvere una donazione. L’atto accessorio, infatti, deve rivestire la stessa forma di quello principale per il principio di simmetria che non può essere assolto dal verbale di udienza. Ne consegue che il mancato spontaneo adempimento dell’impegno non può formare oggetto di trasferimento ai sensi dell’articolo 2932 del codice civile.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. I del 2020 numero 5937 (03/03/2020)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti