Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Legge del 1865 numero 2359 art. 10


Per le opere provinciali la dichiarazione di pubblica utilità è
fatta dal Ministero dei lavori pubblici quando i progetti d'arte
devono essere dal medesimo approvati; negli altri casi è fatta dal
Prefetto.
E' fatta altresì dal Prefetto per la costruzione e per la
sistemazione delle strade comunali poste fuori dell'abitato,
consorziali e vicinali, dei ponti, delle opere idrauliche e dei porti
spettanti pure a Comuni od a consorzi, e per la costruzione o
sistemazione dei cimiteri, dopo di che il progetto delle opere sia
stato approvato dall'Autorità competente.
La dichiarazione di pubblica utilità per le opere comunali e
provinciali fatte obbligatorie per legge dispensa dall'autorizzazione
all'acquisto degli stabili da occuparsi, prescritta dall'articolo
unico della legge 5 giugno 1850, n. 1037 (Articolo così sostituito dalla l. 18 dicembre 1879, n. 5188)
(Articolo così abrogato dall'art. 58 dpr 327/2001).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Legge del 1865 numero 2359 art. 10"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto