Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Indicazione dei conferimenti (società in nome collettivo)



L'atto costitutivo della società in nome collettivo deve indicare, come espressamente prevede l'art. 2295, n. 6 cod. civ. , i conferimenti che ciascun socio è tenuto ad effettuare, specificando il valore ad essi attribuito ed il modo di valutazione degli stessi. Il valore complessivo dei conferimenti costituisce il capitale sociale (nominale) che trova una seppur limitata disciplina specifica negli artt. 2303 e 2306 cod. civ. .

Trattandosi di conferimenti diversi dal denaro, non si reputa sufficiente una semplice descrizione. Dovrebbe infatti essere riportata anche la specificazione del valore del bene o del servizio oggetto di conferimento nonchè del criterio in base al quale le dette determinazioni sono state eseguite. La norma sembra comportare la necessità di tali dati, quand'anche il conferimento fosse rappresentato da prestazioni d'opera, specificamente considerate dal n. 7 dell'art. 2295 cod. civ. oggetto di separata disamina.

Prassi collegate

  • Quesito n. 199-2007/T, Conferimento in Snc di immobili caduti in successione, per cui la dichiarazione non è presentata, ricevibilità dell'atto

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Indicazione dei conferimenti (società in nome collettivo)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Indicazione dei conferimenti (società in nome collettivo)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto