Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Indicazione delle regole di ripartizione degli utili




Il n. 8 dell'art. 2295 cod. civ. contempla tra le indicazioni di cui all'atto costitutivo della società in nome collettivo quella corrispondente alle norme secondo le quali debbano essere ripartiti gli utili e la quota di coascun socio negli utili e nelle perdite. Non si tratta di una menzione indispensabile: la carenza della stessa entrerebbero in gioco i principi generali dettati in tema di società semplice (cfr. gli artt. 2262 e 2263 cod. civ.).

Ciò premesso, l'indicazione degli elementi in parola possiede una rilevanza eminentemente interna, venendo a specificare una ripartizione dell'attivo di periodo eventualmente divergente rispetto a quella di una presunta proporzionalità rispetto ai conferimenti eseguiti da ogni socio. E' tuttavia ben vero che anche i terzi potrebbero essere interessati a prendere conoscenza di questo aspetto, con particolare riferimento ai creditori personali del socio. Poichè costoro, ai sensi del combinato disposto degli artt.2305 e 2270 cod. civ., possono soddisfarsi sugli utili spettanti al loro debitore, è chiaro l'interesse a sapere a quali condizioni, approvato il bilancio, verranno distribuite le eventuali plusvalenze registrate.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Indicazione delle regole di ripartizione degli utili
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Indicazione delle regole di ripartizione degli utili"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto