Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il pregiudizio o eventus damni, l'atto di disposizione



Ai fini dell'accoglimento dell'azione revocatoria (art. 2901 cod.civ. ) occorre un pregiudizio per il creditore (c.d. eventus damni ). Tale si palesa il pericolo che il patrimonio del debitore non sia capiente rispetto all'entità del credito, tenuto conto dell'esistenza di tutti gli ulteriori debiti e delle eventuali garanzie prestate nota1. Deve venir meno o essere vulnerata la garanzia patrimoniale di cui all'art. 2740 cod.civ. (Cass. Civ. Sez. III, 5451/85 ). Ciò non può dirsi quando il creditore disponga di idonee garanzie reali o personali nota2.

Assai delicato è il sindacato relativo all'apprezzamento del requisito in discorso. Non basta a questo proposito l'eventualità semplicemente astratta dell'impossibilità di far fronte al debito. E' piuttosto necessaria una concreta ed attuale possibilità (in buona sostanza la probabilità) che il patrimonio del debitore sia insufficiente. In altri termini è possibile evocare la nozione di pericolo nota3. In ogni caso non occorre che abbia luogo una totale compromissione della consistenza patrimoniale del debitore, essendo sufficiente che, in conseguenza dell'atto compiuto, sia resa più incerta o difficile la soddisfazione del credito. L'onere di dar conto dell'insussistenza di tale situazione incombe sul convenuto (Cass. Civ. Sez. III, 19963/05 ).

Il concetto di pregiudizio è strettamente avvinto con quello dell'attività dalla quale esso scaturisce (il c.d. atto di disposizione) (Cass. Civ. Sez. III, 978/81 ).

Vengono in considerazione a questo proposito gli atti che sono in grado di cagionare la riferita situazione.

Anzitutto tali sono gli atti a titolo gratuito (come le donazioni sia dirette sia indirette: il pagamento di un debito altrui ovvero l'espromissione, la remissione di un debito, una vendita effettuata nummo uno, etc.).

L' eventus damni può altresì derivare anche dal compimento di atti a titolo oneroso. Si pensi alla vendita di un immobile in corrispettivo di un equo prezzo in denaro. Di per sè l'atto non depaupera il patrimonio del debitore: è chiaro tuttavia che un cespite immobiliare viene ad offrire al creditore garanzie di stabilità, mentre il denaro è agevolmente occultabile. Da questo punto di vista il pregiudizio consiste in una meno facile aggredibilità nota4. In giurisprudenza si fa riferimento generico alla maggiore difficoltà o all'incertezza dell'eventuale soddisfacimento coattivo (Cass. Civ. Sez. III, 8930/89 ; Cass. Civ. Sez. III, 402/84 ; Cass. Civ. Sez. III, 1700/82 ) nota5.

La ratio è analoga nell'ipotesi di acquisto di beni consumabili ovvero rapidamente deteriorabili. In definitiva l' eventus damni è tale in relazione non soltanto a variazioni quantitative del patrimonio del debitore, bensì anche di variazioni qualitative (Cass. Civ. Sez. III, 4578/98 ).

Il pagamento di un debito scaduto non è censurabile sotto il profilo del rimedio di cui all'art. 2901 cod.civ. (al contrario di quanto si può osservare nel diverso ambito della revocatoria fallimentare ex art. 67 l.f. ; cfr. tuttavia l'art. 68 l.f. per quanto attiene alla cambiale scaduta ). La passività già gravava infatti il patrimonio del debitore: quest'ultimo ben può pagare i creditori volta per volta, quando si presentano.

Le cose dette non impediscono che l'estinzione del debito che segue alla datio in solutum nota6 possa essere revocata: è infatti possibile che la cosa data in pagamento abbia valore superiore rispetto al debito che viene estinto, ciò che lede i diritti degli altri creditori nota7. E' stato negato che l'alienazione di beni dotali, determinata da necessità o utilità evidente, possa essere revocata, sulla scorta della speciale destinazione ai beni impressa dal vincolo dotale e del relativo controllo preventivo da parte dell'autorità giudiziaria (Cass. Civ. Sez. II, 8952/00 ).

L' eventus damni deve essere stimato nel momento in cui viene posto in essere l'atto di disposizione e deve essere tale anche quando l'azione viene proposta nota8. Non si potrebbe, sulla base dell'incapienza manifestatasi successivamente, sottoporre a critica un atto che, al tempo in cui venne posto in essere, non si manifestava come pericoloso. Diversa soluzione è tuttavia prospettabile, come si dirà specificamente, in caso di collegamento negoziale funzionalmente preordinato allo svuotamento del patrimonio del debitore nota9.

Ci si può domandare come valutare gli atti di disposizione nell'eventualità in cui il debito faccia capo a più soggetti passivi uniti dal vincolo della solidarietà. Il creditore può esercitare l'azione revocatoria in relazione ad un atto di disposizione posto in essere da uno dei condebitori anche quando i patrimoni degli altri condebitori siano idonei ad assicurare il soddisfacimento del credito. Infatti il vincolo solidale è tale da consentire al creditore di domandare l'adempimento per intero anche ad uno soltanto dei condebitori (Cass. Civ. Sez.III, 2623/87 ) nota10.

Note

nota1

Messineo, Manuale di diritto civile e commerciale, vol. III, Milano, 1959, p.193.
top1

nota2

Cfr. Barbero, Il sistema del diritto privato, Torino, 1993, p.652; Nicolò, Azione surrogatoria e azione revocatoria, in Raccolta di scritti, I, Milano, 1980, p.896.
top2

nota3

Si vedano Bianca, Diritto civile, vol. V, Milano, 1994, p.439; Maffei Alberti, Il danno nella revocatoria, Padova, 1970, p.18.
top3

nota4

V. De Martini, Azione revocatoria (dir. priv.), in N.mo Dig. it., p.159; Galgano, Diritto civile e commerciale, vol. II, Padova, 1999, p.470.
top4

nota5

Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006, p.650.
top5

nota6

Messineo, op.cit., p.192.
top6

nota7

Analogamente si potrebbe dire per il caso della novazione oggettiva quando dovesse essere assunta un'obbligazione dal contenuto più oneroso per il debitore obbligato.
top7

nota8

Cfr. Maffei Alberti, op.cit., p.21.
top8

nota9

Opinione analoga viene espressa, tra gli altri, da Bigliazzi Geri-Breccia-Busnelli-Natoli, Istituzioni di diritto civile, Genova, 1980, p.135.
top9

nota10

Così Bianca, op.cit., p.441; Messineo, op.cit., p.193.
top10

Bibliografia

  • BIANCA, Diritto civile, Milano, V, 1994
  • DE MARTINI, Azione revocatoria (dir.priv.), N.sso Dig.it., II, 1958
  • GALGANO, Diritto civile e commerciale, Padova, II, 1999
  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • MAFFEI ALBERTI, Il danno della revocatoria, Padova, 1970
  • NICOLO', Azione surrogatoria e azione revocatoria, Milano, Raccolta di scritti, I, 1980

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il pregiudizio o eventus damni, l'atto di disposizione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il pregiudizio o eventus damni, l'atto di disposizione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto