Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1981 numero 978 (18/02/1981)


Poichè l'eventus damni che - ai fini dell'azione revocatoria - giustifica e condiziona la tutela normativa a favore del creditore consiste nell'obiettivo ed effettivo pregiudizio arrecatogli dallo atto di disposizione patrimoniale posto in essere dal debitore, esso non puo essere identificato con gli effetti di quegli atti negoziali che, interferendo in un processo esecutivo (come la vendita di un immobile, il cui prezzo sia servito al debitore per soddisfare transattivamente un creditore ipotecario che stava procedendo esecutivamente su tale bene) pregiudichino una sia pur remota eventualita di soddisfacimento di un ulteriore creditore chirografario, ma deve essere specificamente valutato - nella sua certezza ed effettivita - con riguardo al potenziale conflitto tra il creditore chirografario e il creditore garantito da ipoteca, e quindi in relazione alla concreta possibilita di soddisfazione del primo con riguardo alla entita della garanzia reale del secondo.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1981 numero 978 (18/02/1981)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto