Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Omesso conseguimento di proventi già fatturati


In conseguenza del verificarsi del momento impositivo (secondo i criteri innanzi illustrati), il venditore è obbligato ad emettere fattura, incassare l’IVA dovuta e (successivamente) riversarla all’Erario.

Se successivamente alla registrazione della fattura viene meno (in tutto o in parte) il conseguimento del guadagno (ad esempio obbligo di restituire parte del corrispettivo percepito per errore), con conseguente riduzione della base imponibile, è possibile procedere a variazioni in diminuzione. A differenza di quelle in aumento, le variazioni in diminuzione sono facoltative e possono essere effettuate solo dal cedente (ma se effettuate obbligano l’altra parte alla corrispondente rettifica) ed essere applicate:

a) senza limiti di tempo se dipendono:
  • da dichiarazione di nullità, annullamento, revoca, risoluzione, rescissione e simili. Ad esempio, riduzione conseguente ad una condizione pattuita nel contratto originario, sentenza che dichiara la nullità, l’annullamento o la risoluzione del contratto, restituzione di beni per vizi (art. 1490 cod. civ.);
  • da applicazione di abbuoni o sconti previsti nel contratto originario;
  • dal mancato pagamento (parziale o totale) a causa di procedure concorsuali o di procedure esecutive infruttuose (art. 26, comma 2, D.P.R. n. 633/1972).

b) entro il limite di un anno dall’effettuazione dell’operazione se dipendono da:
  • sopravvenuto accordo tra le parti, ad esempio concessione di sconti e abbuoni non previsti contrattualmente;
  • inesattezze della fatturazione (art. 21, comma 7, D.P.R. n. 633/1972), ad esempio per errore è emessa una fattura con corrispettivi errati per eccesso.

In tutti i casi, per effettuare le variazioni in diminuzione, il venditore deve emettere una nota di accredito a favore dell’acquirente indicando l’ammontare della variazione e relativa imposta, gli estremi della fattura originaria.

La nota di accredito va registrata alternativamente nei seguenti modi:
  • nel registro acquisti da parte del venditore e correlativamente nel registro delle fatture emesse da parte dell’acquirente;
  • in negativo nello stesso registro delle vendite da parte del venditore e correlativamente in negativo nello stesso registro degli acquisti da parte dell’acquirente.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Omesso conseguimento di proventi già fatturati"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto