Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2021 numero 17810 (22/06/2021)




Inquadrata correttamente la datio in solutum come un contratto a titolo oneroso solutorio-liberatorio che estingue l’obbligazione in modo satisfattivo, la disciplina da applicarsi allo stesso è quella generale del contratto, e ciò comporta che debba essere rispettata anche la forma che attiene alla natura della prestazione oggetto di dazione.
(Pertanto, nel caso di specie, l’esistenza della controversa pattuizione (parzialmente) modificativa del precedente contratto concluso tra le parti in giudizio necessitava, ai sensi del n.1 dell’art. 1350 cod. civ., della forma scritta ad substatiam, siccome avente ad oggetto un trasferimento immobiliare. In difetto di tale indispensabile requisito, non si può ricondurre ad una valida datio in solutum la modalità del pagamento con assegno in sostituzione del trasferimento di un appartamento).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2021 numero 17810 (22/06/2021)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti