Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2019 numero 23260 (18/09/2019)




Il debito del figlio pagato dal padre defunto che non abbia successivamente agito in via di regresso surrogandosi nei diritti del creditore soddisfatto configura una donazione indiretta, come tale soggetta a collazione. Ciò che rileva, infatti, è il fine perseguito e non il mezzo giuridico impiegato che può essere il più vario e consistere anche in una combinazione di negozi. La donazione indiretta è caratterizzata dal fine perseguito di realizzare una liberalità, non già dallo strumento giuridico impiegato, che può essere il più vario, nei limiti consentiti dall'ordinamento - potendo consistere in atti o negozi la cui combinazione produce l'effetto di un'attribuzione patrimoniale gratuita, a nulla rilevando l'esistenza di un interesse del "solvens" all'adempimento.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2019 numero 23260 (18/09/2019)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti