Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2019 numero 11377 (29/04/2019)




Tanto nell’ipotesi di contratto preliminare, quanto in quella di contratto definitivo soggetto a riproduzione per atto pubblico o ad accertamento giudiziale ai fini della trascrizione, l’allegazione del certificato di destinazione urbanistica non è richiesta a pena di nullità, in quanto essa è destinata a soddisfare l’interesse pubblico e quello privato alla regolarità formale e sostanziale del trasferimento inter vivos. La sua assenza, intesa come mancata allegazione materiale, rileva quale fattore impeditivo del rogito notarile o della trascrizione dell’atto privato, ma non produce la ridetta nullità ove la compiuta formazione del titolo idoneo alla trascrizione sia ancora in itinere. L’interesse sottostante alla formazione progressiva del contratto tramite il c.d. controllo delle sopravvenienze in materia di trasferimenti immobiliari, come legittima l’ipotesi di un preliminare di preliminare, così giustifica la parallela esigenza della mera rinnovazione contrattuale, allorché la scrittura privata, benché definitiva, per essere trascritta debba essere riprodotta in forma pubblica ovvero accertata giudizialmente. Ipotizzare una disciplina alternativa, che affermi o neghi la separata produzione in giudizio del certificato secondo che l’azione proposta abbia, rispettivamente, natura costituiva ex art. 2932 c.c. o dichiarativa ai sensi e ai fini dell’art. 2657 c.c., sacrificherebbe ingiustificatamente l’interesse delle parti alla mera rinnovazione contrattuale.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2019 numero 11377 (29/04/2019)"

Iscriviti alla Newsletter di WikiJus!

Iscriviti