Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Marsala, ordinanza del 07 giugno 2005. Usufrutto di quote societarie.

Nell'assemblea della società a responsabilità limitata il diritto di voto spetta, relativamente alle quote che siano state date in usufrutto, unicamente all'usufruttuario. Costui esercita un diritto che gli appartiene, non già esprimendo il voto quale rappresentante del nudo proprietario. Questa situazione non fa comunque venir meno l'obbligo dell'usufruttuario di astenersi da condotte abusive, ingiustamente lesive del diritto del nudo proprietario.

Costituisce abuso del diritto di usufrutto l'esercizio del diritto di voto potenzialmente lesivo del valore economico della quota del nudo proprietario (nel caso di specie l' abusività è stata ravvisata nella adozione di decisioni contrarie rispetto alle intenzioni dei titolari della nuda proprietà nelle materie essenziali per il prosieguo dell'attività sociale, quali l'approvazione del bilancio ed il rinnovo delle cariche, paralizzando la funzione deliberativa assembleare tramite la contrapposizione di due schieramenti di peso paritetico).

E' possibile l'attribuzione provvisoria in via cautelare al nudo proprietario dell'esercizio dei diritti spettanti all' usufruttuario della quota, in essi compresa la facoltà di esercitare i diritti di rappresentanza e di voto nell' ambito assembleare e con l'obbligo di provvedere alla corresponsione annuale di somma corrispondente alla quota parte degli utili sociali.

Commento

La riforma del diritto societario del 2003 ha espressamente esteso la disciplina dettata in tema di pegno, sequestro ed usufrutto di titoli azionari dall'art.2352 cod.civ. alle quote di srl (sia pure con la limitazione scaturente dal disposto del III comma dell'art.2471 cod.civ.). La pronunzia in esame individua espressamente, quali norme regolatrici della fattispecie, le regole ordinarie dettate dal codice civile in tema di usufrutto, in esse compreso l'art.1015 cod.civ., che sanziona la condotta abusiva (=ingiustamente dannosa) dell'usufruttuario che si sostanzi in un pregiudizio del diritto del nudo proprietario.

Aggiungi un commento