Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cassazione Civile Sez. III 3500/2002: Prelazione agraria e nome del promissario acquirente

La denuntiatio prevista ai fini della prelazione agraria, deve contenere, quale requisito essenziale, il nome del promissario acquirente, e ciò per consentire al coltivatore di valutare il proprio interesse all'esercizio del diritto di prelazione, anche con riferimento al nuovo titolare del rapporto di affitto.

Commento

Viene ribadito il principio in forza del quale, allo scopo di rendere possibile l'esercizio della prelazione in favore dell'affittuario di fondo rustico, il proprietario del medesimo deve comunicare al primo non soltanto il prezzo e le altre condizioni della vendita, ma anche il nominativo del soggetto promissario acquirente

Aggiungi un commento