Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Tribunale di Verona del 1989 (10/11/1989)


Per le delibere del consiglio di amministrazione di una spa, non è necessario che l'avviso di convocazione contenga delle materie poste all'ordine del giorno. L'impugnazione delle delibere del consiglio di amministrazione è esperibile anche al di fuori della previsione legislativa di cui all'art. 2391 c. c., cioè anche in altre ipotesi oltre a quella del conflitto di interessi; sono, pertanto, annullabili per abuso od eccesso di potere le delibere del consiglio di amministrazione di una spa che, assunte con l'intento di perseguire unicamente un fine extrasocietario, rientrano in un disegno fraudolento perpetuato, attraverso gli amministratori che lo rappresentano in consiglio, dal gruppo di maggioranza ai danni della minoranza (obiter dictum).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Tribunale di Verona del 1989 (10/11/1989)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto