Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Restrizioni alla libertà contrattuale nei rapporti coi terzi




Le condizioni generali di contratto che hanno l'effetto di determinare la restrizione della libertà contrattuale del contraente che vi aderisce, nei rapporti con i terzi, corrispondono a quelle pattuizioni che introducono limitazioni sia dal punto di vista dell'astratta possibilità di stipulare, sia in relazione alla scelta del contraente.

Si pensi al divieto di alienazione di cui all'art. 1379 cod.civ., alle convenzioni che introducono una prelazione volontaria, alle clausole che impongono un determinato contenuto degli accordi da concludere con altri soggetti (tali ad esempio quelli che obbligano a stipulare soltanto con contraenti che rivestono qualifiche particolari o a prezzi prefissati).

Si discute se l'obbligazione di mantenere ferma la proposta per un certo tempo, il patto di opzione o quello di prelazione contenuto in un contratto predisposto possano essere considerate clausola vessatoria.

Alla comune opinione negativa, che si basa sul fatto che tanto la proposta irrevocabile quanto il patto di opzione (o quello di prelazione) sarebbero relativi ad un futuro contratto, si è fatto strada in dottrina il parere contrario.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Restrizioni alla libertà contrattuale nei rapporti coi terzi
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Restrizioni alla libertà contrattuale nei rapporti coi terzi"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto