Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Negoziazione assistita


Con d.l. 132 del 12 settembre 2014 conv. con l. 10 novembre 2014 n.162 è stato introdotto il nuovo strumento della negoziazione assistita.
Ai sensi dell'art.2 della predetta disposizione, "chi intende esercitare in giudizio un'azione relativa a una controversia in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti deve, tramite il suo avvocato, invitare l'altra parte a stipulare una convenzione di negoziazione assistita. Allo stesso modo deve procedere, fuori dei casi previsti dal periodo precedente e dall'articolo 5, comma 1-bis, del decreto legislativo 4 marzo 2010, n. 28, chi intende proporre in giudizio una domanda di pagamento a qualsiasi titolo di somme non eccedenti cinquantamila euro."
Si tratta di uno strumento necessario. Prosegue infatti la norma in esame stabilendo che "l'esperimento del procedimento di negoziazione assistita è condizione di procedibilità della domanda giudiziale. L'improcedibilità deve essere eccepita dal convenuto, a pena di decadenza, o rilevata d'ufficio dal giudice, non oltre la prima udienza. Il giudice quando rileva che la negoziazione assistita è già iniziata, ma non si è conclusa, fissa la successiva udienza dopo la scadenza del termine di cui all'articolo 2, comma 3. Allo stesso modo provvede quando la negoziazione non è stata esperita, assegnando contestualmente alle parti il termine di quindici giorni per la comunicazione dell'invito. Il presente comma non si applica alle controversie concernenti obbligazioni contrattuali derivanti da contratti conclusi tra professionisti e consumatori."

Come appare evidente, il procedimento, che si inscrive nell'attuale tendenza intesa a frapporre remore al ricorso agli organi di giustizia ordinaria, introducendo a vario titolo l'indispensabilità di far ricorso a procedure compositive, arbitrali o comunque intese a dar vita ad accordi eliminativi del contenzioso, è finalizzato al perfezionamento di un accordo avente natura latu sensu transattiva, per il tramite dell'operato necessario dei legali delle parti, il cui ruolo parrebbe essere assimilabile a quello di arbitri irrituali.

Prassi collegate

  • Risoluzione N. 65/E, Esenzione fiscale per gli accordi di separazione conclusi in negoziazione assistita
  • La negoziazione assistita dagli avvocati

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Negoziazione assistita
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Negoziazione assistita"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto