Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Forma della transazione



L'art. 1967 cod.civ. richiede per il contratto di transazione la forma dello scritto soltanto ad probationem, ai soli fini della prova (Cass.Civ. Sez. II 3621/99 ). Fa eccezione la transazione avente ad oggetto controversie relative a beni immobili, diritti reali immobiliari o altri rapporti ad essi assimilati che, ai sensi del n.12 dell'art. 1350 cod.civ., deve essere effettuata per iscritto a pena di nullità. In questo caso la forma scritta costituisce elemento essenziale del contratto ex n.4 art. 1325 cod.civ. nota1.

Sempre in tema di diritti reali immobiliari la stipulazione dell'accordo transattivo dovrà inoltre essere effettuata per scrittura privata autenticata ovvero per atto pubblico ai fini della successiva necessaria trascrizione per i diritti immobiliari (art. 2643, n. 13 cod.civ. ) nota2.

La qualificazione del requisito formale in tema di transazione come ad probationem tantum consente di configurare il perfezionamento della stessa anche in esito ad una accettazione per facta concludentia, in forza della tacita completa attuazione di quanto da essa previsto (Cass.Civ. Sez. I 6825/98) ovvero anche quando una parte la faccia valere in giudizio pur non avendola sottoscritta (Cass. Civ., Sez. II, n. 72/11). Analogo principio è stato affermato per quanto attiene alla forma dello scioglimento per mutuo consenso del negozio transattivo, che, ben potrebbe desumersi anche dal contegno conludente tenuto dalle parti (Cass. Civ., Sez.II n.16932/03).

Per quanto attiene ai poteri rappresentativi (procura, ratifica) il principio del collegamento formale di cui agli artt. 1392, 1399 cod.civ. non è ostativo rispetto al valido ed efficace conferimento dei detti poteri pur in difetto della forma scritta (Cass.Civ. Sez. III 8855/96).

Note

nota1

Nel primo caso è prescritta una forma ad probationem, nel secondo ad substantiam : Santoro Passarelli, La transazione, Napoli, 1986, p.196, Gazzoni, Manuale di diritto privato, Napoli, 1996, p.1191 e Minervini, in Codice civile annotato, a cura di Perlingieri, Napoli, 1991, p.1618.
top1

nota2

Palazzo, La transazione, in Trattato di dir.priv., dir. da Rescigno, vol.13, Torino, 1984, p.314.
top2

Bibliografia

  • GAZZONI, Manuale di diritto privato, Napoli, 2006
  • MINERVINI, Napoli, Codice civile annotato a cura di Perlingieri, 1991
  • PALAZZO, La transazione, Torino, Trattato Rescigno, 13, 1984
  • SANTORO PASSARELLI, La transazione, Napoli, 1986

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Forma della transazione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Forma della transazione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto