Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Libri contabili e bilancio: risultanze del patrimonio destinato ad uno specifico affare




Gli artt. 2447 sexies e septies apri cod. civ. contengono una serie di prescrizioni relative alle appostazioni da compiersi nei libri obbligatori, nelle scritture contabili e nel bilancio della società il cui organo amministrativo abbia deciso di dar vita ad un patrimonio destinato ad un singolo affare.

Anzitutto gli amministratori devono, ai sensi della prima delle norme citate, tenere separatamente i libri e le scritture contabili prescritti dagli artt. 2214 apri e ss. cod. civ. in relazione allo specifico affare cui un patrimonio è destinato ai sensi della lettera a) del I comma dell'art. 2447 bis cod. civ. apri. Quando poi fossero stati emessi strumenti finanziari, la società dovrà anche tenere un libro indicante le loro caratteristiche, l'ammontare di quelli emessi e di quelli estinti, le generalità dei titolari degli strumenti nominativi e i trasferimenti e i vincoli ad essi relativi.

Ai sensi dell'art. 2447 septies cod. civ. inoltre occorre evidenziare nello stato patrimoniale in maniera distinta i beni e i rapporti compresi nei patrimoni destinati, mentre gli amministratori dovranno comunque stilare un rendiconto separato per ciascun patrimonio e illustrare, nella nota integrativa, il valore e la tipologia dei beni e dei rapporti giuridici compresi in ciascun patrimonio destinato (art. 2447 septies cod. civ. ), ivi inclusi quelli apportati da terzi, i criteri adottati per la imputazione degli elementi comuni di costo e di ricavo, nonché il corrispondente regime della responsabilità.

Se la deliberazione costitutiva del patrimonio destinato contempla la responsabilità illimitata della società per le obbligazioni contratte in relazione allo specifico affare (eventualità piuttosto remota, comunque praticabile ai sensi del III comma dell'art. 2447 quinquies cod. civ. ), l'impegno da ciò derivante deve risultare in calce allo stato patrimoniale e formare oggetto di valutazione secondo criteri da illustrare nella nota integrativa.

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Libri contabili e bilancio: risultanze del patrimonio destinato ad uno specifico affare
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Libri contabili e bilancio: risultanze del patrimonio destinato ad uno specifico affare"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto