Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Le azioni di godimento



La disciplina delle azioni di godimento, dettata dall'art. 2353 cod.civ. , è rimasta praticamente immutata rispetto al passato. Rimangono pertanto aperti tutti i problemi da tempo dibattuti in dottrina in merito a questa fattispecie.
Ipotesi di azione di godimento sicuramente ammessa dalla legge è quella relativa alla riduzione reale del capitale sociale (un tempo detta per esuberanza) nota1 mediante sorteggio e annullamento di azioni con rimborso del solo valore nominale.
In tal caso, infatti, i soci cui viene rimborsato il solo valore nominale possono subire un pregiudizio rispetto a coloro che non vengono rimborsati, laddove il valore effettivo delle azioni sia superiore al valore nominale delle stesse.
L'assegnazione di azioni di godimento è diretta per l'appunto a compensare in qualche modo un siffatto pregiudizio.
Rimane invece discusso se sia ammissibile l'emissione di dette azioni in caso di riduzione del capitale per perdite.
Per espressa disposizione normativa, salvo diversa disposizione dello statuto, le azioni di godimento non danno diritto di voto nell'assemblea.
In passato ciò poneva il problema della spettanza ai possessori di tali azioni degli altri diritti normalmente connessi al possesso di azioni ordinarie.
Tale problema è oggi, come sappiamo, risolto in via generale per il diritto di intervento in assemblea e per quello alla impugnativa delle delibere assembleari, diritti per il riconoscimento dei quali la legge oggi richiede espressamente la spettanza del voto in assemblea .
Rimane invece aperta la questione per altri diritti quali ad esempio il diritto ad assegnazione di nuove azioni in caso di aumento gratuito nota2 ed il diritto di opzione.

nota1

Note

nota1

Oggi essa non è più qualificabile in tal modo per l'eliminazione del requisito stesso dell'esuberanza (cfr. art. 2445 cod.civ. ).
top1

nota

nota2

Per la soluzione positiva v. Bione, Le azioni, in Tratt. delle società per azioni, diretto da Colombo-Portale, vol.II, t.1, Torino, 1994, p. 97.
top2

Bibliografia

  • BIONE, Azioni, gruppi, Torino, Tratt. delle società per azioni diretto , da Colombo-Portale, 1994, vol. 2, t. 1

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Le azioni di godimento
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Le azioni di godimento"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto