Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La deliberazione di fusione nelle società di persone




Al fine di pervenire all'adozione di una delibera di fusione il codice civile, siccome novellato nel 2003, richiede per le società di persone il voto favorevole della maggioranza dei soci determinata secondo la partecipazione di ciascuno agli utili (art.2502 cod.civ. ). Tale previsione risulta derogatoria pertanto rispetto al disposto di cui all'art. 2252 cod. civ. , secondo cui "il contratto sociale può essere modificato soltanto con il consenso di tutti i soci se non è convenuto diversamente".

Il nuovo dettato dell'art. 2502 cod. civ. , secondo cui, come detto, è sufficiente la maggioranza e non l'unanimità del consenso dei soci è coerente con la previsione, contenuta nel medesimo articolo, a mente del quale il socio dissenziente può recedere dal contratto sociale. La possibilità di recedere consente al socio dissenziente, da un lato, di salvaguardare i propri interessi rispetto alle decisioni sociali, dall'altro di evitare paralisi frequentemente causate dal difficile raggiungimento di un accordo da parte dell'intera compagine sociale.

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La deliberazione di fusione nelle società di persone
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La deliberazione di fusione nelle società di persone"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto