Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Il trust: trascrizione



Che cosa dire dell'ipotesi in cui i diritti conferiti in trust abbiano natura reale ed oggetto beni immobili? Il riconoscimento dell'istituto nel nostro sistema giuridico in esito all'entrata in vigore della Convenzione dell'Aja non può non sortire rilevanti conseguenze anche a livello pubblicitario. E' il caso di osservare che, ai sensi dell'art.12 della cennata Convenzione, è possibile dare pubblicità al trust, salvo che ciò non risulti vietato dall'ordinamento interno del Paese firmatario. Ne segue la piena esplicazione dell'efficacia traslativa dell'atto istitutivo di trust che, quando implicasse il trasferimento della proprietà di beni immobili, dovrebbe essere trascritto presso il competente Ufficio del Territorio ex artt. 2643 , 2645 cod.civ.. Naturalmente la trascrizione dovrà essere effettuata contro il settlor ed in favore del trustee. Analogamente eventuali formalità pregiudizievoli che dovessero colpire il trust dovrebbero essere eseguite a carico del trustee (Tribunale di Reggio Emilia, 25 marzo 2013).

Se le cose dette rappresentano un dato acquisito, la stessa natura mutevole e varia dell'istituto del trust, modellato non tanto su rigidi schemi ed astratti concetti, quanto in base alle finalità che con esso il costituente si propone di perseguire, pone in concreto non indifferenti questioni applicative. Si pensi al trust che preveda la coincidenza tra costituente (settlor) e trustee, individuandosi quale beneficiario una determinata famiglia costituenda della quale esso costituente faccia parte. Nella fattispecie il Tribunale di Parma ha statuito nel senso della necessità di dare pubblicità al summenzionato trust, esigenza che non rinverrebbe alcuna limitazione nel principio dell'unicità del patrimonio di cui all'art.2740 cod.civ. (Tribunale di Parma (decreto), 21 ottobre 2003). In senso analogo ha statuito altra Corte di merito, rilevando come non risulti ostativa rispetto alla possibilità di operare la trascrizione neppure l'assenza di soggettività del trust (Tribunale di Torino del 10 febbraio 2011).
Va notato che questa opinione vale a conferire una maggiore pregnanza alla tesi volta a valorizzare l'autonomia di una causa fiduciaria, ex se idonea a fondare l'istituto.

Prassi collegate

  • Quesito n. 262-2014/A, Malta - contratti: conferimento di immobili siti in italia in trust maltese
  • Il Ministero dell’Interno su unione fra persone dello stesso sesso e titolo di soggiorno ai sensi del d.lgs. 30/2007

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Il trust: trascrizione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Il trust: trascrizione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto