Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2006 numero 16937 (25/07/2006)


Il contratto preliminare va consideato come struttura negoziale autonoma, destinata a realizzare un assetto di interessi prodromico a quello che sarà compiutamente attuato con il contratto definitivo, cosicché il suo oggetto non consiste solo in un "facere" ma anche e soprattutto in un futuro "dare", consistente nel trasferimento del diritto sul bene. Ne consegue che, ove il preliminare sia stato stipulato con persona incapace,nel caso di specie, inabilitato, l'unica azione a disposizione della parte promissaria acquirente, che abbia già in parte eseguito la sua prestazione, è quella contrattuale ex art. 1443 c.c., mentre viene esclusa la cumulabilità con tale azione dell'azione extracontrattuale che sanziona la malafede della controparte durante le trattative, le quali perdono di autonoma rilevanza a seguito dell' intervenuta stipula del preliminare.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2006 numero 16937 (25/07/2006)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto