Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 2010 numero 2651 (04/02/2010)




In base al principio di autonomia negoziale di cui all'art. 1322 c.c., la volontà delle parti può costituire rapporti obbligatori, aventi il contenuto dei diritti reali su cosa altrui: è quindi possibile, invece della previsione di un peso su di un fondo (servente) per l'utilità di un altro fondo (dominante) in una relazione di asservimento del primo al secondo che si configura come una qualitas inseparabile di entrambi, la pattuizione di un obbligo personale, quando il diritto attribuito sia previsto esclusivamente per un vantaggio di un determinato soggetto senza funzione di utilità fondiaria.

Il contratto costitutivo di servitù prediale nullo può essere convertito in un contratto diverso del quale contenga i requisiti di sostanza e di forma, se sussistono i requisiti necessari per l'operatività dell'art. 1424 c.c. anche con specifico riferimento alla c.d. volontà ipotetica delle parti di conversione dell'accordo (nella specie, conversione del contratto per la costituzione di una servitù prediale in quello per la previsione di un diritto di natura personale a favore dei soli stipulanti).

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 2010 numero 2651 (04/02/2010)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto