Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. II del 1978 numero 5458 (22/11/1978)


Se dopo il preliminare si stipula il contratto definitivo senza che contro il preliminare sia stata proposta azione di rescissione, dal momento della conclusione del contratto definitivo sorge una nuova azione di rescissione ed il relativo termine annuale di prescrizione decorre da quest' ultima data e non da quella di conclusione del preliminare, sia perché il fatto che le condizioni per proporre l' azione di rescissione sussistano fin dalla stipulazione del preliminare non esclude che le stesse possano permanere ed abbiano autonoma rilevanza nel momento della conclusione del contratto definitivo, sia perché l' abuso dello stato di bisogno e la lesione si consumano ulteriormente in tale momento, in quanto solo con il negozio definitivo la parte danneggiata esegue la prestazione posta a suo carico.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. II del 1978 numero 5458 (22/11/1978)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto