Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Applicabilità della finzione di avveramento alla condizione nel testamento



E' applicabile alla condizione potestativa la finzione di avveramento di cui all'art. 1359 cod.civ., norma dettata in materia di contratto in genere? Sembra convincente una risposta affermativa: se la mancanza dell'evento condizionale può dirsi imputabile alla parte che ha un interesse contrario all'avveramento, pare effettivamente appropriato il ricorso al detto principio nota1. Si pensi al caso di Primo che istituisca erede Caio a condizione che ultimi l'edificazione di un monumento entro una certa data ed alla condotta di Sempronio che, chiamato in subordine, impedisca il conseguimento di questo risultato con la propria azione di disturbo.

Si può osservare che la formale previsione di una condizione in realtà può celare, quando l'evento si concreti in una condotta volontaria di un soggetto la cui realizzazione è rimessa alla propria mera discrezione, una disposizione vietata ai sensi del I comma dell'art. 631 cod.civ., nulla come tale (Cass.Civ. Sez. II, 1928/82).

Note

nota1

Risposta affermativa viene data anche da Capozzi, Successioni e donazioni, t.1, Milano, 1983, p.474.
top1

Bibliografia

  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, 1983

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Applicabilità della finzione di avveramento alla condizione nel testamento
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Applicabilità della finzione di avveramento alla condizione nel testamento"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto