Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La soluzione della crisi coniugale costituisce il perno dell'elemento causale degli accordi assunti in sede di separazione o divorzio. Qualsiasi atto negoziale volto a trasferire diritti che sia qualificato da tale causa fruisce dello speciale trattamento fiscale agevolativo. (Cass. Civ., Sez. V, sent. n. 2111 del 3 febbraio 2016)

In tema di separazione personale dei coniugi, gli accordi che prevedono atti comportanti trasferimenti patrimoniali dall'uno all'altro coniuge o in favore dei figli, rientrano nell'ambito delle condizioni della separazione, di cui all'art. 711, comma IV, c.p.c., in considerazione del carattere di negoziazione globale, che la coppia in crisi attribuisce al momento della liquidazione del rapporto coniugale, attribuendo a detti accordi la qualificazione di contratti tipici, denominati "contratti della crisi coniugale", destinati a definire in modo non contenzioso e risolutivo la crisi coniugale.
Deve riconoscersi carattere di negoziazione globale a tutti gli accordi di separazione che, anche attraverso la previsione di trasferimenti mobiliari o immobiliari, siano volti a definire in modo tendenzialmente stabile la crisi coniugale, destinata a sfociare, di lì a breve, nella cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario o nello scioglimento del matrimonio civile, cioè in un divorzio non solo prefigurato, ma voluto dalle parti, in presenza delle necessarie condizioni di legge. Non si può quindi negare - quale che sia la forma che i negozi concretamente vengano ad assumere - che detti negozi siano da intendersi quali atti relativi al procedimento di separazione o divorzio, che, come tali, possono usufruire delle relative agevolazioni previste dall'art. 19 della l. n. 74/1987, salvo che l'Amministrazione finanziaria contesti e provi, secondo l'onere probatorio a suo carico, la finalità elusiva degli atti medesimi.

Commento

(di Daniele Minussi)
Assai rilevanti le conseguenze a livello di trattamento tributario della pronunzia in commento. Se l'atto di trasferimento appare essere qualificato dall'elemento causale consistente nell'intento di definizione degli aspetti patrimoniali conseguenti alla crisi coniugale, comunque fruisce delle speciali esenzioni previste dall'art.19 della l. 1987 n.74, ai sensi della quale è prevista l'integrale esenzione delle imposte di registro, catastali, di trascrizione, nonchè dal bollo. Non conta dunque nè il "veicolo" strutturale, nè l'oggetto della negoziazione (quote di società, diritti reali immobiliari, crediti, etc.), nè l'individuazione del beneficiario (ancorchè all'interno della famiglia: coniuge, figli). Quello che importa è unicamente la considerazione della causa del congegno negoziale.

Aggiungi un commento