Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Poteri e tutela del chiamato all'eredità




Il chiamato all'eredità vanta una serie di poteri giuridici, tra i quali spicca la titolarità delle azioni possessorie e la possibilità di compiere una serie di atti di vigilanza e di conservazione che giungono fino al compimento di un'attività riconducibile alla straordinaria amministrazione (art.460 cod.civ. ). L'indagine che segue si farà carico di mettere a fuoco questi aspetti ed altri ancora, quali le condizioni alla cui stregua il chiamato è legittimato passivamente in ordine alle azioni promosse nei confronti dell'eredità (art.486 cod.civ. ), l'eventuale sussistenza di obblighi a carico del medesimo, il di lui diritto ad essere rimborsato delle spese sostenute per il compimento dell'attività oggettivamente utile per gli eredi quando abbia fatto successivamente rinunzia all'eredità (art.461 cod.civ. ). Infine si dirà del divieto di attivazione del chiamato di cui all'ultimo comma dell'art. 460 cod.civ. .

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Poteri e tutela del chiamato all'eredità
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Poteri e tutela del chiamato all'eredità"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto