Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Obblighi del chiamato



Non si può dire che in capo al chiamato incombano obbligazioni in senso tecnico nota1. La posizione di costui è infatti contrassegnata da una serie di poteri e al più da situazioni riconducibili all'onere nota2. A quest'ultima figura si può fare riferimento, nonostante l'utilizzo del termine "deve", nel caso dell'art. 488 cod.civ. . La disposizione riferisce che il chiamato non possessore dei beni ereditari al quale sia stato assegnato dall'autorità giudiziaria un termine per accettare, debba entro detto termine, compiere anche l'inventario, a pena di perdere il diritto di accettare, ovvero, qualora abbia fatto la sola dichiarazione di accettazione senza aver proceduto all'inventario, di essere considerato erede puro e semplice. Come appare evidente non si tratta di comportamenti rispetto ai quali incomba sul chiamato un obbligazione in senso tecnico: libero costui di accettare, di compiere l'inventario, di rimanere persino inerte. Da ciascuna di queste condotte scaturiranno le conseguenze previste dalla legge.

nota1

Note

nota1

Diversamente opina chi reputa (Natoli, L'amministrazione nel periodo successivo all'accettazione, in L'amministrazione di beni ereditari, vol.II, Milano, 1969, p.53 e Azzariti-Martinez, Successioni per causa di morte e donazioni, Padova, 1979, p.160) che sul chiamato incomba il dovere di provvedere alla conservazione del patrimonio, analogamente a quanto previsto per il curatore dell'eredità vacante, nominato in mancanza di chiamato possessore.
top1

nota2

Così Grosso-Burdese, Le successioni. Parte generale, in Tratt. dir.civ.it., diretto da Vassalli, vol.XII, Torino, 1977, p.158; Cicu, Successioni per causa di morte. Parte generale, in Tratt. dir.civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo, Milano, 1961, p.139; Ferri, Disposizioni generali sulle successioni (Artt.456-511), in Comm.cod.civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1997, p.142.
top2

Bibliografia

  • F.S. AZZARITI - MARTINEZ - G.AZZARITI, Successioni per causa di morte e donazioni, Padova, 1979
  • FERRI, Disposizioni generali sulle successioni, Bologna Roma, Comm.cod.civ. Scialoja Branca, 1997
  • GROSSO-BURDESE, Le successioni. Parte generale, Torino, Tratt.dir.civ. it. diretto da Vassalli, XII - t.1, 1977
  • NATOLI, L'amministrazione dei beni ereditari, Milano, I, 1968

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Obblighi del chiamato
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Obblighi del chiamato"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto