Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Patto di indivisione



Ai sensi del II comma dell'art. 1111 cod.civ. risulta ammissibile che i contitolari possano assumere reciprocamente l'obbligazione di rimanere tali rispetto al bene spettante pro quota a ciascuno per un tempo di durata non superiore a dieci anni.

Qualora venisse determinato un termine maggiore, questo si ridurrebbe pur sempre a dieci anni. La norma prevede infine che, se gravi circostanze lo richiedono, l'autorità giudiziaria può ordinare lo scioglimento anche in un tempo anteriore a quello pattiziamente stabilito.

E' importante porre in luce che la convenzione con la quale viene stabilita la temporanea indivisibilità, avente natura obbligatoria, risulta espressamente vincolante non soltanto per i contitolari che l'hanno stipulata, bensì anche per gli aventi causa da costoro: si tratta dunque, secondo l'opinione prevalente nota1, di un'obbligazione propter rem.

Note

nota1

Cfr. Capozzi, Successioni e donazioni, Milano, 1982, p.701; Branca, La comunione, in Comm. cod. civ., a cura di Scialoja- Branca, Bologna-Roma, 1982, p.280.
top1

Bibliografia

  • BRANCA, La comunione, Bologna - Roma, Comm.cod.civ. a cura di Scialoja e Branca, 1982
  • CAPOZZI, Successioni e donazioni, Milano, II, 1982

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Patto di indivisione
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Patto di indivisione"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto