Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Patrimonio disponibile ed indisponibile



I beni non demaniali appartenenti ad un ente pubblico vengono denominati beni patrimoniali. Si può operare una distinzione in due categorie:
  1. beni disponibili nota1, in quanto non destinati direttamente ed immediatamente a soddisfare esigenze di perseguimento dei fini istituzionali dell'ente: sono soggetti, salvo leggi speciali, alle norme di diritto privato del codice civile;
  2. beni indisponibili nota2 (foreste, miniere, fauna selvatica (L. 968/77, art. 1 , edifici destinati a sedi di uffici pubblici, ecc.), in quanto la destinazione di essi è volta al perseguimento di finalità istituzionali dell'ente. Questo aspetto costituisce la ragione per cui gli atti che li riguardano non possono avere quale esito la sottrazione di essi alle loro destinazioni, stabilite, o dalle norme o da provvedimenti dell'autorità (art. 828 cod. civ.). Il principio non è tuttavia certo un dogma: si pensi al modo di disporre dell'art. 32 della Legge 24 novembre 2003, n. 326 (anche a seguito della Corte Cost., 196/04 ), il cui comma XIV ha addirittura previsto la possibilità che dei detti beni possa farsi alienazione in riferimento alle domanda presentata all'Agenzia del demanio da parte di colui che vi abbia realizzato opere abusive sanabili ai sensi della stessa legge. I beni del patrimonio disponibile invece, in quanto non diversamente disposto, sono soggetti alle regole del diritto privato.

La disciplina dei beni degli enti ecclesiastici è dettata nella L. 222/85 e nel relativo Regolamento di esecuzione, emanato con D.P.R. 33/87 nota3.

Le chiese possono appartenere anche a privati e sono soggette alla disciplina del diritto privato: possono quindi essere alienate, usucapite, ecc., ma, finchè non siano sconsacrate secondo le regole del diritto canonico, non possono essere sottratte alla loro destinazione e al culto (art. 831, II comma , cod. civ.).

Note

nota1

V. Palma, La proprietà in generale. I procedimenti ablatori, in Tratt. dir. priv., diretto da Rescigno, vol. 7, t. I, Torino, 1982, pp. 194 e ss..
top1

nota2

Cfr. Falzone, I beni del patrimonio indisponibile, Milano, 1957.
top2

nota3

Si vedano p.es. Fedele, voce Beni ecclesiastici (dir. ecclesiastico), in Enc. dir., p. 189.
top3

Bibliografia

  • FALZONE, I beni del patrimonio indisponibile, Milano, 1957
  • FEDELE, voce Beni ecclesiastici (dir. ecclesiastico), Enc. dir.
  • PALMA, La proprietà in generale. I procedimenti ablatori, Torino, Tratt. dir. priv. diretto da Rescigno, vol. 7, t. I, 1982

Prassi collegate


News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Patrimonio disponibile ed indisponibile
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Patrimonio disponibile ed indisponibile"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto