Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Nullità del contratto di convivenza



Il comma 57 dell'art. 1 della legge 20 maggio 2016, n. 76 prevede una specifica disciplina dell'invalidità del contratto di convivenza.
Prevede infatti la norma citata che esso sia affetto da nullità insanabile che può essere fatta valere da chiunque vi abbia interesse se concluso:
a) in presenza di un vincolo matrimoniale, di un'unione civile o di un altro contratto di convivenza;
b) in violazione del comma 36 (che definisce la nozione di «conviventi di fatto» come del legame che si instaura tra due persone maggiorenni unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, che non siano vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un'unione civile);
c) da persona minore di età;
d) da persona interdetta giudizialmente;
e) in caso di condanna per il delitto di cui all'articolo 88 del codice civile (vale a dire il c.d. impedimentum criminis).

Stabilisce il comma 58 della norma che gli effetti del contratto di convivenza restano sospesi in pendenza del procedimento di interdizione giudiziale o nel caso di rinvio a giudizio o di misura cautelare disposti per il delitto di cui all'articolo 88 del codice civile, fino a quando non sia pronunciata sentenza di proscioglimento.

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Nullità del contratto di convivenza
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Nullità del contratto di convivenza"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto