Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

La nozione di affare (mediazione)



Fondamentale importanza nella mediazione riveste la considerazione della nozione di "affare", la cui conclusione è il risultato dell'attività del mediatore ai sensi dell'art.1754 cod.civ. . Con questa espressione non si allude solamente al perfezionamento di un vincolo contrattuale. Per "affare" si intenderebbe quasiasi operazione qualificata da un contenuto economico di natura patrimoniale (Cass. Civ. Sez. II, 330/77 ). Ordinariamente l'affare consisterà in un contratto nota1. Secondo l'opinione prevalente esso deve necessariamente essere qualificato da un contenuto di carattere patrimoniale nota2. Ciò che conta è che, a prescindere dalla forma negoziale, esso si risolva in un'utilità patrimonialmente stimabile in riferimento al risultato avuto di mira dalla parti (Cass. Civ. Sez. III, 11521/08 ).

Ne seguirebbe l'impossibilità di qualificare come mediazione l'opera prestata allo scopo di rendere possibile il perfezionamento di attività negoziale avente natura personale (come il matrimonio: c.d. prossenetico matrimoniale). Il tema sarà oggetto si specifica disamina.

Alla conclusione dell'affare la legge subordina la nascita del diritto del mediatore alla provvigione (art.1755 cod.civ. ).

Note

nota1

Ciò tuttavia non necessariamente: il termine "affare" è infatti sicuramente più esteso rispetto alla nozione di contratto. L'attività del mediatore ben potrebbe indurre le parti a porre in essere più negozi unilaterali di natura patrimoniale avvinti da un collegamento, "diretti a perseguire un interesse economico unitario, e perciò un unico affare" (Ponzanelli, Bonetta, in Comm.cod.civ., diretto da Cendon, Aggiornamento 1991-2001, Libro II, Torino, 2002, p.1254).
top1

nota2

Carraro, voce Mediazione e mediatore, in N.mo Dig.it., p.482.
top2

Bibliografia

  • CARRARO, Mediazione e mediatore, N.sso Dig. it. , X, 1964
  • PONZANELLI- BONETTA, Comm. cod. civ. , Torino, II, 2002

Prassi collegate

  • Quesito n. 6073/I, Oggetto sociale: attività di mediazione

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

La nozione di affare (mediazione)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "La nozione di affare (mediazione)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto