Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi

Ai sensi dell' art.128 quater del D.Lgs. 385/93 (T.U. in materia bancaria e creditizia, novellato per effetto del D.Lgs. 141 del 2010, del D.Lgs. 169/2012 ed ulteriormente dal D.Lgs. 21 aprile 2016, n. 72) è agente in attività finanziaria "il soggetto che promuove e conclude contratti relativi alla concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma o alla prestazione di servizi di pagamento, su mandato diretto di intermediari finanziari previsti dal titolo V, istituti di pagamento, istituti di moneta elettronica, banche o Poste Italiane. Gli agenti in attività finanziaria possono svolgere esclusivamente l'attività indicata nel presente comma, nonché attività connesse o strumentali".

Quanto ai mediatori creditizi, l' art.128 sexies dello stesso T.U. (sempre come novellato dal D.Lgs. 141/2010 a sua volta ulteriormente modificato dal D.Lgs. 169/2012) fa riferimento al "soggetto che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari previsti dal titolo V con la potenziale clientela per la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma".

Entrambe le categorie di professionisti in parola possono svolgere l'attività prevista dalla legge soltanto in via esclusiva. E' consentito infatti al più lo svolgimento di un'operatività connessa o strumentale rispetto a quella esercitata esclusivamente. L’esercizio professionale nei confronti del pubblico dell’attività di mediatore creditizio è riservato ai soggetti iscritti in un apposito elenco tenuto dall’Organismo previsto dall’ art.128 undecies del T.U. 385/93.
Da notare come il IV comma del citato art.128 sexies contempli espressamente lo svolgimento dell'attività del mediatore in difetto di rapporti che lo leghino ad alcuna delle parti, rapporti che altrimenti potrebbero comprometterne l’indipendenza. Ciò rende palese come la figura in considerazione possa essere riportata a quella, più generale, del mediatore in senso ampio.

Prassi collegate

  • Quesito n. 83-2014/I, Oggetto sociale: assunzione di partecipazioni
  • Quesito n. 788-2013/I, Oggetto sociale: agente di assicurazione e collocamento di prodotti bancari e finanziari
  • Quesito n. 714-2013/I, Oggetto sociale: intermediario ex art. 106 t.u.b. e prestazioni di garanzie. obblighi di comunicazione
  • Quesito n. 270-2012/I, Società di persone, agenzia in attività finanziaria e requisiti di capitale
  • Quesito n. 16-2011/I, Cambiamento dell'oggetto sociale da mediazione creditizia ad esercizio dell'attività di agenzia finanziaria

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Agenti in attività finanziaria e mediatori creditizi"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto