Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Espressioni generali (interpretazione)



L'art. 1364 cod.civ. prevede che, per quanto generali siano le espressioni usate nel contratto, questo non comprende altro se non gli oggetti sui quali le parti si sono proposte di contrattare.

La norma serve ad impedire che, di per sé, l'utilizzo di espressioni di carattere generale siano utilizzabili in chiave di presunzioni, allo scopo di dare ingresso ad un contenuto più ampio del contrattonota1 .

E' stato ad esempio ritenuto che, in tema di agevolazioni spettanti ad un dipendente di un'azienda elettrica sul prezzo della fornitura di energia in forza di pattuizioni anteriori alla legge di nazionalizzazione del 1962, non rientrasse nelle stesse la somma dovuta a titolo di c.d. "sovrapprezzo termico"  (Cass. Civ. Sez. I, 6362/88 ).

La norma in questione non impedisce ovviamente l'accertamento dell'ampiezza effettiva dell'accordo, indipendentemente dal tenore letterale delle espressioni usate, di modo che possano ritenersi ricompresi anche rapporti non specificamente menzionati: anche a questo proposito deve farsi riferimento alla valutazione della comune intenzione dei contraenti (Cass. Civ. Sez. II, 250/86 )nota2.

Note

nota1

Conformi Bigliazzi Geri, L'interpretazione del contratto.Il codice civile.Commentario, diretto da Schlesinger, Milano, 1991, p. 182; Mariconda, Delle obbligazioni e dei contratti, in Comm. Ipsoa, Milano, 1984, p. 328. In particolare quest'ultimo A. sostiene che l'art. 1364 cod.civ.  legittima "un'interpretazione antiletterale", nel senso di restringere, conformemente alla comune intenzione delle parti, l'effettivo ambito di estensione del contratto, apparentemente più ampio.
top1

nota2

Analogamente Scognamiglio, L'interpretazione, in I contratti in generale, a cura di Gabrielli, Tomo II, Torino, 1999, p. 954.
top2

 

Bibliografia

  • BIGLIAZZI GERI, L'interpretazione del contratto. Il codice civile. Commentario, Milano, 1991
  • MARICONDA, Delle obbligazioni e dei contratti, Milano, Comm. Ipsoa, 1984
  • SCOGNAMIGLIO, L'interpretazione, Torino, I contratti in generale, Gabrielli, II, 1999

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Espressioni generali (interpretazione)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Espressioni generali (interpretazione)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto