Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Indicazioni esemplificative (interpretazione)



Prescrive l'art. 1365 cod.civ. che, quando in un contratto si è espresso un caso allo scopo di spiegare un patto, non si presumono esclusi i casi non espressi, ai quali, secondo ragione nota1, può estendersi lo stesso patto nota2.

Si tratta delle indicazioni esemplificative, l'utilizzo delle quali non esclude che possano ritenersi comunque compresi i casi pur non esplicitati.

La regola in commento sembrerebbe possedere una portata inversa rispetto a quella di cui alla norma che precede.Essa tende ad evitare che si formino presunzioni di esclusione non fondate sull'effettiva volontà delle parti (Cass. Civ. Sez. Lavoro, 539/83 ), mentre l'art. 1364 cod.civ. vale ad evitare l'insorgenza di una presunzione in base alla quale il contratto possieda una portata maggiore rispetto a quella propria dell'oggetto di convenzione in base alle espressioni di carattere generale. In effetti il criterio cardine è pur sempre costituito dall'intento comune dei contraenti che converge su un determinato oggetto, conferendo sostanza al contenuto del contratto nota3 .

Note

nota1

Secondo Osti, voce Contratto, in N.sso Dig.it., vol. IV, 1959, p. 523, l'espressione "secondo ragione" presuppone la "valutazione che ragionevolmente deve farsi del contenuto del contratto in virtù del principio della buona fede".
top1

nota2

La dottrina dominante (Mosco, Principi sull'interpretazione dei negozi giuridici, Napoli, 1952, p. 695; Perlingieri, Appunti di teoria dell'interpretazione, Napoli, 1970, p. 79) sostiene che l'estensione interpretativa è consentita solo se sorretta da un'accertata conforme intenzione delle parti.
top2

nota3

Scognamiglio, L'interpretazione, in I Contratti in generale, a cura di Gabrielli, Torino, 1999, p. 954.
top3

Bibliografia

  • MOSCO, Principi sulla interpretazione dei negozi giuridici, Napoli, 1952
  • OSTI, Contratto, Torino, N.sso Dig. it., IV, 1959
  • PERLINGIERI, Appunti di teoria dell'interpretazione, Napoli, 1970
  • SCOGNAMIGLIO, L'interpretazione, Torino, I contratti in generale, Gabrielli, II, 1999

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Indicazioni esemplificative (interpretazione)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Indicazioni esemplificative (interpretazione)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto