Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Interpretazione complessiva delle clausole



Ai sensi dell'art. 1363 cod.civ. le clausole del contratto si interpretano le une per mezzo delle altre, attribuendo a ciascuna il senso che risulta dal complesso dell'atto nota1.

La norma vale ad evocare  la nozione di unità del negozio, ciò che impone di non considerare le clausole isolatamente l'una rispetto all'altra, ma ciascuna ambientata nel contesto dell'intero attonota2 . Si pensi all'esempio delle piante planimetriche o delle schede catastali  allegate ad un contratto di compravendita immobiliare in relazione all'identificazione dell'esatta consistenza dei beni alienati. A tal fine è sufficiente che si tratti di una parte, di una clausola inserita nel contratto: gioverebbe anche una  clausola invalida perché non si tratta di discutere dell'efficienza dispositiva delle stessa, bensì di interpretare il congegno negoziale (Cass. Civ. Sez. III, 9889/98 ).

E' utile osservare che il criterio interpretativo in esame è comunque pur sempre funzionale a quella ricerca della comune intenzione delle parti oltre la lettera adoperata dalle stesse che ispira la regola fondamentale di cui all'art. 1362 cod.civ. (Cass. Civ. Sez. Lavoro, 5944/88 ).

Note

nota1

Secondo Betti, Teoria generale del negozio giuridico, in Tratt.dir.civ.it., diretto da Vassalli, vol. XV, Torino, 1960, p. 360, l'esigenza di ricostruire il significato complessivo dell'atto si inquadra nell'ambito dell'interpretazione psicologica e corrisponde al canone della totalità e della coerenza del precetto dell'autonomia privata.
top1

nota2

Spapperi, L'interpretazione del contratto, in I contratti in generale, a cura di Cendon, vol. V, Torino, 2000, p. 278, ritiene che "soltanto dalla lettura e dalla considerazione complessiva del contratto nella sua totalità si potrà pervenire ad una esatta interpretazione di tutte le sue parti, pur senza svilirne la singola essenza".
top2

 

Bibliografia

  • BETTI, Teoria generale del negozio giuridico, Torino, Tratt. dir. civ. diretto da Vassalli, XV, 1950
  • SPAPPERI, L'interpretazione del contratto, Torino, I contratti in generale, Cendon, V, 2000

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Interpretazione complessiva delle clausole
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Interpretazione complessiva delle clausole"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto