Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Divieto di iscrizione di ipoteche giudiziali (beneficio di inventario, eredità giacente)



L'art. 2830 cod. civ. prevede, nell'ipotesi in cui l'eredità sia stata accettata con beneficio d'inventario ovvero trattandosi di eredità giacente, che non possano essere iscritte ipoteche giudiziali sui beni appartenenti all'asse. Ciò neppure in base a sentenze pronunciate anteriormente alla morte del debitore.

La finalità è quella di istituire una parità di condizioni tra tutti i creditori ereditari, risultato che sarebbe pregiudicato qualora vi fosse la possibilità di aggredire i beni facenti parte dell'eredità nota1 . Si badi che la prescrizione non riguarda la fase esecutiva: quando il creditore potesse vantare anteriormente all'apertura della successione un titolo esecutivo, ben potrebbe dunque procedere con il pignoramento.

Quale efficacia possiede la proibizione di cui alla norma in esame? Secondo l'opinione prevalente l'ipoteca che fosse stata iscritta nonostante il riferito modo di disporre dell'art. 2830 cod. civ. sarebbe nulla, del tutto improduttiva di effetti. La conseguente inefficacia sarebbe rilevabile in ogni tempo dall'erede, dagli altri creditori, ex officio dal giudice nota2 .

Si badi al fatto che il divieto in considerazione riguarda soltanto i creditori ereditari. I creditori particolari dell'erede (nell'ipotesi di accettazione beneficiata) ben potrebbero iscrivere ipoteca giudiziale sui beni dell'asse. Detta iscrizione non sarà tuttavia in grado di garantire loro alcuna preferenza, dal momento che, ai sensi del n.3 del II comma dell'art. 490 cod. civ. , i creditori dell'eredità ed i legatari vantano prelazione sul patrimonio ereditario nei confronti dei creditori dell'erede nota3 .

Note

nota1

Prestipino, Delle successioni in generale (Artt.456-535), in Comm. cod. civ., diretto da De Martino, Novara-Roma, 1981, p. 489; Gentile, Le ipoteche. Commento agli artt.2808-2899 del codice civile, Roma, 1961, p. 173.
top1

nota2

Tamburrino, Della tutela dei diritti. Delle ipoteche, in Comm. cod. civ., vol. VII, Torino, 1976, p. 211; Messineo, Manuale di diritto civile e commerciale, Milano, 1972, p. 140; Rubino, L'ipoteca immobiliare e mobiliare, in Tratt. dir. civ. e comm., diretto da Cicu-Messineo e continuato da Mengoni, vol.XV, Milano, 1956, p. 132. Contra Gorla-Zanelli, Pegno. Ipoteche (Artt.2784-2899), in Comm. cod. civ., a cura di Scialoja-Branca, Bologna-Roma, 1962, p. 264, a giudizio del quale dovrebbe parlarsi non già di nullità, ma di inopponibilità ai creditori che concorrono sui beni dell'eredità giacente.
top2

nota3

Si tratterebbe cioè di ipoteche in ogni caso valide, tuttavia subordinate alla cessazione della giacenza o del beneficio: Gorla, op.cit., p. 267.
top3

Bibliografia

  • GENTILE, Le ipoteche, Roma, 1961
  • GORLA, Del pegno. Delle ipoteche, Bologna-Roma, Comm. Scialoja-Branca, 1962
  • PRESTIPINO, Delle successioni in generale, Novara-Roma, Comm.cod.civ., dir. da De Martino, 1981
  • RUBINO, L'ipoteca, Milano, 1956
  • TAMBURRINO, Della tutela dei diritti. Delle ipoteche, Torino, Comm.cod.civ., VII, 1976

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Divieto di iscrizione di ipoteche giudiziali (beneficio di inventario, eredità giacente)
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Divieto di iscrizione di ipoteche giudiziali (beneficio di inventario, eredità giacente)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto