Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Distanze minime per gli apiari




L'art. 896 bis cod.civ. (introdotto dall'art. 8 della L. 24 dicembre 2004, n. 313) prevede un'apposita disciplina in tema di distanze da osservare per chi intenda collocare sul proprio fondo arnie destinate ad accogliere api.

Gli apiari devono essere collocati a non meno di dieci metri da strade di pubblico transito e a non meno di cinque metri dai confini di proprietà pubbliche o private.

Il rispetto di queste distanze non è obbligatorio se tra l'apiario e i luoghi ivi indicati esistono dislivelli di almeno due metri o se sono interposti, senza soluzioni di continuità, muri, siepi o altri ripari idonei a non consentire il passaggio delle api. Tali ripari devono avere una altezza di almeno due metri.

La parte finale del II comma della norma in esame si affretta a chiarire, quasi vi fosse bisogno di puntualizzare la natura dispositiva delle disposizioni, che sono comunque salvi gli accordi tra le parti interessate.

Infine nel caso di accertata presenza di impianti industriali saccariferi, gli apiari devono rispettare una distanza minima di un chilometro dai suddetti luoghi di produzione.

News collegate

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Distanze minime per gli apiari
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Distanze minime per gli apiari"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto