Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Confessione nelle obbligazioni solidali



La confessione, che consiste nella dichiarazione giudiziale o stragiudiziale fatta da una parte relativamente a fatti ad essa sfavorevoli e favorevoli all'altra parte (art. 2730 cod.civ.), non viene presa espressamente in considerazione nell'ambito della normativa di cui agli artt. 1304 cod.civ. e ss. afferente all'efficacia sul vincolo solidale di alcune fattispecie con funzione di prevalente accertamento.

L'art. 2733 cod.civ., in materia di confessione giudiziale si limita a disporre al III comma che, in caso di litisconsorzio necessario, la confessione resa da alcuni soltanto dei litisconsorti è liberamente apprezzata dal giudice. L'affermazione che pure suole esser fatta sulla scorta del modo di disporre dell'art. 1309 cod.civ. in materia di ricognizione di debito (Cass. Civ. Sez. III, 1901/75 ) nota1, secondo cui la confessione resa da uno dei debitori non pregiudica gli altri condebitori (da non confondersi con la questione, differente, dell'efficacia e della portata della confessione del debitore che abbia ad oggetto la qualità dell'obbligazione come solidale: cfr. Cass. Civ. Sez. I, 5492/79 ) mentre, all'inverso se la confessione è resa ad uno dei creditori giova anche agli altri concreditori (Cass. Civ. Sez. III, 4596/78 ), deve essere intesa proprio alla luce del precitato art. 2733 cod.civ.. Ciò, anche se occorre riferire che, in materia di obbligazioni solidali, la regola è quella del litisconsorzio facoltativo. Esistono tuttavia eccezioni di notevole portata, quali ad esempio nel campo dell'assicurazione obbligatoria della responsabilità civile per la circolazione di veicoli.

Così è stato deciso che la domanda di risarcimento del danno che il danneggiato proponga nei confronti del conducente del veicolo investitore e dell'assicuratore dell'auto (litisconsorzio necessario ex art.144 D.Lgs. 209/2005 ), può essere accolta soltanto nei confronti del primo e non del secondo, perché la constatazione amichevole ha valore di confessione solo nei riguardi dell'autore, essendo invece liberamente apprezzabile per altre parti del giudizio, compresi i condebitori solidali (Cass. Civ. Sez. III, 3462/98 ; Cass. Civ. Sez. III, 198/87 ) nota2.

Note

nota1

Bianca, Diritto civile, vol.IV, Milano, 1998, p.737.
top1

nota2

Silvestri, Confessione nel diritto processuale civile, in Dig. disc. priv., vol. III, 1989, p.424.
top2

Bibliografia

  • SILVESTRI, Confessione nel diritto processuale civile, Dig. disc. priv., 1989

News collegate

Vedi anche

Chiedi consulenza ai nostri esperti su:

Confessione nelle obbligazioni solidali
richiedi un preventivo gratuito

Trovi ulteriori informazioni sulle Consulenze di Wikijus qui

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Confessione nelle obbligazioni solidali"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto