Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Commissione Tributaria Regionale Roma del 2015, Sez. II numero 966 (18/02/2015)



Le agevolazioni fiscali in caso di trasferimento di terreni agricoli previste dal D.lgs. n.99/2004 si applicano al coltivatore diretto iscritto presso l'apposita gestione previdenziale ed assistenziale e all'imprenditore agricolo professionale, iscritto presso la gestione previdenziale e assistenziale e le relative società con superamento di ogni questione sulla dimensione imprenditoriale perché la qualifica di IAP discende direttamente dall'art. 5 del Regolamento del Consiglio CE n.1257/1999 del 17/05/1999 che, a differenza di quella di coltivatore diretto, definisce chi ha conoscenze e competenze professionali e dedichi alle attività agricole di cui all'art. 2135 c.c., direttamente o in qualità di socio di società, almeno il 50% del proprio tempo di lavoro complessivo e che ricavi dalle attività medesime almeno il 50% del proprio reddito globale da lavoro. Di conseguenza, all'IAP non possono essere richiesti gli stessi adempimenti del coltivatore diretto che è, invece, colui che si dedica manualmente ed abitualmente alla coltivazione dei terreni e all'allevamento del bestiame purché la forza del lavoro suo e della sua famiglia non sia inferiore ad un terzo di quella occorrente per le normali necessità dell'azienda agricola.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Commissione Tributaria Regionale Roma del 2015, Sez. II numero 966 (18/02/2015)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto