Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. VI del 2012 numero 322 (12/01/2012)



Non entra in comunione l’immobile acquistato qualche giorno prima della separazione dal coniuge che intende trasferirsi nell’appartamento se l’altro ha dichiarato di non aver partecipato al pagamento del prezzo.

Laddove il giudice di merito abbia ricondotto la fattispecie dell'acquisto alla disciplina dell'art. 179, lett. c), c.c. in funzione della personalità del bene destinato ad abitazione del coniuge nell'ottica della separazione personale, a nulla vale contestare l'asserita natura confessoria della dichiarazione resa nell'atto d'acquisto (secondo la previsione della lettera f) della disposizione in parola).

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. VI del 2012 numero 322 (12/01/2012)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto