Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2016 numero 3179 (18/02/2016)



E’ legittima l’azione revocatoria proposta dal creditore contro la vendita del bene immobile del debitore dopo il trasferimento di proprietà e prima della relativa trascrizione dovendo riconoscergli l’interesse ad agire, vale a dire a ottenere un’utilità che non può essere conseguita se non con la proposizione di una domanda giudiziaria. Si osserva, infatti, che, in caso di accoglimento dell’opposizione, il creditore vedrebbe caducarsi gli effetti del pignoramento promosso nei confronti del debitore senza certezza di poter procedere utilmente a nuovo pignoramento sul medesimo bene ma nei confronti del nuovo proprietario in difetto della dichiarazione di inefficacia del trasferimento ai sensi dell’art. 2901 c.c. o, quanto meno, della già avvenuta proposizione della domanda di revocazione.

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2016 numero 3179 (18/02/2016)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto