Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 2010 numero 22944 (12/11/2010)




Sussiste il diritto di prelazione o di riscatto di cui all'art. 8, L. n. 590/1965, anche in caso in vendita una quota di un fondo, appartenente a più persone in proprietà indivisa. Non va confuso con la legittimità dell'esercizio della prelazione o del riscatto anche relativamente alla sola quota indivisa del fondo, se solo questa è posta in vendita, il diverso principio per cui è invece vietata la possibilità di una prelazione o riscatto solo parziali del bene posto in vendita, per cui, in caso di vendita di un fondo concesso in affitto a più conduttori e di rinuncia di uno di essi ad esercitare il riscatto, gli altri devono esercitare il diritto stesso con riferimento all'intero fondo e non con riguardo alla loro quota. In altri termini l'oggetto della prelazione o del riscatto deve corrispondere perfettamente con l'oggetto della vendita: se è posta in vendita solo una quota indivisa del fondo, questa ben può essere prelazionata o retrattata, senza che costituisca ostacolo il fatto che si tratti solo di una quota ideale del fondo. Se è posto in vendita l'intero fondo (o solo una parte fisica dello stesso), l'esercizio dei predetti diritti di cui all'art. 8 cit. non può essere limitato solo ad una quota del bene in concreto compravenduto.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 2010 numero 22944 (12/11/2010)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto