Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1997 numero 5638 (24/06/1997)


Il principio secondo il quale il creditore di una somma di denaro non è tenuto ad accettare in pagamento titoli di credito (quantunque assistiti da particolari garanzie di solvibilità dell' emittente, quali gli assegni circolari) è contenuto in una norma di chiaro carattere dispositivo (quella di cui all' art. 1277 COD.CIV.), cui è consentito derogare sia per effetto di un accordo espresso tra debitore assegnante e creditore assegnatario (ovvero di una pratica costante e preeesistente intercorrente tra le parti in tal senso), sia qualora la "datio pro solvendo" dell' assegno in luogo del contante risulti consentita da usi negoziali, sempre evocabili a dimostrazione di una volontà contrattuale derogatoria della disciplina legislativa

Documenti collegati

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1997 numero 5638 (24/06/1997)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto