Questo sito utilizza i cookie, anche di terze parti, per il monitoraggio degli accessi.
Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati ed eventualmente disabilitarli, accedi alla pagina Privacy.
Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti all’utilizzo dei cookie.

Cass. civile, sez. III del 1993 numero 5831 (24/05/1993)


Ai fini del riconoscimento della responsabilità extracontrattuale del vettore (configurabile in caso di violazione di diritti che alla persona danneggiata spettino indipendentemente dal contratto di trasporto) é necessario che il comportamento di quest' ultimo sia valutato, anche ai fini dell'onere probatorio, non in base alle disposizioni che regolano il contratto di trasporto, ma in base alle regole della responsabilità aquiliana.Pertanto, non può farsi ricorso alla responsabilità "ex recepto", che, essendo accessoria all'obbligazione contrattuale del trasporto, non é configurabile al di fuori ed indipendentemente da questo, ma é necessario che siano individuati specifici fatti e comportamenti del vettore, che costituiscono illecito ai sensi dell'art. 2043 cod. civ. e che incombe a colui che si assume danneggiato di provare.

Percorsi argomentali

Aggiungi un commento


Se vuoi aggiornamenti su "Cass. civile, sez. III del 1993 numero 5831 (24/05/1993)"

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto